Installazione e manutenzione linee vita

REGINATO S.N.C. di Reginato Paolo e Fabio si occupa da diversi anni del montaggio e della manutenzione di linee vita e dispositivi anticaduta per il tetto. Eseguiamo precisi interventi di verifica e revisione degli sistemi di sicurezza e di ancoraggio, come previsto dalla normativa UNI EN 795.

Grazie al calcolo e alle prove di carico, assicuriamo un lavoro perfetto e affidabile, e ci preoccupiamo sempre di accertare la sicurezza della struttura.

L’installazione delle linee salvavita è obbligatoria, in quanto garantiscono a chi esegue interventi in quota sul tetto degli edifici di operare serenamente.

Per effettuare una corretta installazione dei sistemi di ancoraggio è fondamentale valutare:

– Le dimensioni e le caratteristiche dell’edificio;

– La forma della copertura e la tipologia di materiale con cui è realizzata;

– La presenza di sistemi di isolamento.

Contattaci per richiedere informazioni più precise o per conoscere i prezzi del nostro servizio di installazione linee vita: siamo attivi a Busto Arsizio, Legnano e centri limitrofi.

La Normativa UNI EN 795

Le linee vita devono essere conformi alla norma UNI EN 795 del 2002, la normativa italiana relativa ai dispositivi di ancoraggio permanenti. La norma in questione definisce quali sono i requisiti, i metodi di prova, le istruzioni per l’uso e la marcatura che i dispositivi di ancoraggio devono possedere.

Gli installatori di linee vita sono tenuti a rilasciare, al termine dell’installazione del sistema anticaduta, la dichiarazione di corretto montaggio, con la quale affermano di avere eseguito il lavoro a regola d’arte.

La norma UNI EN 795 suddivide i sistemi di protezione contro le cadute dall’alto in 5 classi:

  • classe A: punti di ancoraggio di Classe A1 e A2;
  • classe B: dispositivi di ancoraggio provvisori;
  • classe C: dispositivi su linee di ancoraggio flessibili orizzontali, le cosiddette “linee vita”;
  • classe D: sistemi su rotaia rigida orizzontale;
  • classe E: ancoraggi a corpo morto per coperture piane.

Il tetto come “luogo di lavoro”

In tutte le situazioni di lavoro in quota è necessario che i lavoratori siano dotati di adeguati sistemi di protezione anticaduta che assicurino l’accesso, il transito e l’esecuzione dei lavori in piena sicurezza.

In base al Testo unico sulla sicurezza sul luogo di lavoro, l’installazione di dispositivi di ancoraggio permanenti è obbligatoria quando la copertura diventa “luogo di lavoro”.

Il tetto di un’abitazione è luogo di lavoro quando vengono eseguiti interventi di bonifica, rifacimento del tetto, installazione o manutenzione di impianti fotovoltaici e solari, interventi su antenne e così via.

Fondamentale in questo caso è la figura del tecnico abilitato, che indica come dovranno essere fissati gli ancoraggi della linea vita alla struttura di supporto e la scelta di un prodotto certificato.

Il progetto, inoltre, deve essere seguito da un ingegnere o da un architetto, che alla fine dei lavori deve attestare la corretta installazione dei dispositivi. Il proprietario dell’edificio deve, custodire il libretto d’uso e manutenzione del sistema.

Desideri saperne di più o necessiti di una ditta per l’installazione delle linee vita? Rivolgiti a noi! Siamo attivi a Busto Arsizio, Legnano e limitrofi.